Sei in » Attualità
11/01/2014 | 14:21

Nonostante sia stata smentita poco dopo, la notizia del suicidio dello zio Michele, il contadino di Avetrana finito al centro della cronaca per l'omicidio di Sarah Scazzi, ha fatto il giro del web destando non poco allarme.




Avetrana. «Michele Misseri è stato trovato morto oggi nelle campagne del Salento in contrada Macchie alle ore 16.30 circa. L’anziano si è tolto la vita impiccandosi ad un albero di pino, nei pressi della masseria Montefiore non lontano dalla ferrovia. Sul posto sono intervenute tempestivamente le forze dell’ordine. Il medico legale ha subito constatato il decesso. L’anziano, più volte aveva minacciato il suicidio a causa dell’enorme depressione scaturita dalle vicende di cui è stato protagonista negli ultimi tempi. La scoperta è stata fatta da una coppia di fidanzati della zona che si era appartata nelle vicinanze». Poche parole quelle riportate da un sito online (poi risultato un sito satirico) che hanno immediatamente fatto il giro del web prima e delle redazioni poi. Un’indiscrezione, con tanto di foto a sostegno, che ha subito scatenato un tam tam incessante alla ricerca di conferme e ulteriori dettagli. Anche un'altra nota testata aveva annunciato la morte dello Zio Michele, usando però il condizionale nel riferire del presunto suicidio per impiccagione, attribuendola ad una sua fonte.

La smentita è giunta poco dopo sul giornale locale "La Voce di Manduria". Ad Avetrana non c’è nessuna contrada Macchie, né una masseria Montefiore, né una ferrovia nei paraggi e, fortunatamente, nessun impiccato.

Michele Misseri sta bene, illazioni sulla sua presunta morte a parte. Il contadino, infatti, all’insaputa di tutto, si trovava come sempre nella villetta di via Deledda, al civico 22, quando - come riporta l’Adnkronos- una pattuglia dei carabinieri si è recata nella casa dell'uomo nella cittadina jonica per accertare che la notizia fosse priva di fondamento.




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |